• it
  • en

Repubblica di San Marino fra storia e leggenda

La più antica Repubblica del mondo, 61 kmq di superficie, un piccolo Stato che da oltre 1700 anni è indipendente, una popolazione che si è dimostrata nella storia saggia ed appagata della propria estensione territoriale.

Risale al 301 d.c. la fondazione di una piccola comunità di cristiani perseguitati per la loro fede e riuniti intorno a Marino, un tagliapietre dalmata.

Da allora, fra storia e leggenda, si è sviluppato uno stato sovrano, ad oggi membro del Consiglio d’Europa e delle Nazioni Unite, ma ancora molto legato alle proprie origini e tradizioni.

Se ne accorse Napoleone Bonaparte, che, offerti doni ed amicizia alla piccola Repubblica, si vide però rifiutare l’offerta di ampliamento territoriale, ritenuto troppo rischioso dai sammarinesi. Ne ebbe prova anche il Generale Giuseppe Garibaldi, che, durante i combattimenti per l’Unità d’Italia, si rifugiò a San Marino con migliaia di soldati.

Lo riconobbe anche il presidente americano Abramo Lincoln che dimostrò la sua benevolenza scrivendo ai Capitani Reggenti “…benché il Vostro dominio sia piccolo, nondimeno il Vostro Stato è uno dei più onorati di tutta la storia…”.

 

In foto: Vista di San Marino, passo delle streghe salita alla prima torre

Le gallerie ...storie da vivere

Interno galleria di Borgo Maggiore dove transita il by Train San Marino

“Benvenuti nell’antica terra della Libertà” è questa la frase che accoglie nei confini della Repubblica di San Marino: terra di libertà ed ospitalità, che nel corso della Storia non ha mai negato il diritto d’asilo e l’aiuto umanitario, indipendentemente dalle idee politiche o religiose.

La neutralità che ha contraddistinto la Repubblica in numerose occasioni non ha avuto eccezioni durante la Seconda guerra mondiale (1939 – 1945), quando San Marino si dichiarò estranea al conflitto ma i suoi 15.000 abitanti offrirono asilo nelle gallerie ferroviarie ad oltre 100.000 sfollati del circondario durante il passaggio del fronte lungo la Linea Gotica.

Le Gallerie in cui oggi è tornato a transitare il trenino sono testimonianza delle due facce del periodo fascista: le grandi infrastrutture ed i drammi della popolazione.

La storia della linea ferroviaria Rimini-San Marino iniziò il 3 dicembre 1928: 3.000 operai, 8 milioni di ore lavorative, 30 tonnellate di dinamite, 20.000 tonnellate di cemento e 32 Km di linea.

Borgo Maggiore Patrimonio dell'Unesco

Borgo Maggiore: vista panoramica centro storico e portici

Dal 2008 i Centri storici di San Marino e di Borgo Maggiore sono riconosciuti fra i siti Unesco Patrimonio dell’Umanità: San Marino è la più antica Repubblica del mondo e l’unica Città-Stato che sussiste, rappresentando una tappa importante dello sviluppo dei modelli democratici in Europa ed in tutto il mondo.

Borgo Maggiore è uno dei nove Castelli della Repubblica, il secondo per numero di abitanti, edificato nel XII secolo con il nome di Mercatale: testimonianza dell’epoca sono le caratteristiche piazzette ed i portici sotto i quali, secondo un’antica tradizione, si svolge ancora regolarmente il mercato locale. Questo piccolo villaggio aveva infatti una rilevanza economica e strategica fin dal medioevo.

Tra i suoi luoghi di interesse, si segnalano Piazza Grande – dove tuttora si svolgono i mercati e la fiera dell’agricoltura – la torre dell’orologio e la chiesa del Suffragio.

Nel suo territorio, che si estende per 10 km² e consta di circa 7000 abitanti, si trovano infine l’ospedale di Stato (nella frazione di Cailungo) e la funivia di collegamento con Città di San Marino.

Scroll Up